domenica 21 maggio 2017

SVIZZERA - SCIAFFUSA E LE CASCATE DEL RENO


UN POCO DI STORIA


Sciaffusa (altezza 396 metri; 34 mila abitanti), in epoca  medioevale, era una città-stato, di cui si hanno notizie che risalgono al 1045. Distesa sulla riva destra del Reno, presso il confine tedesco, la città, dalla caratteristica fisionomia medioevale, ma ricca di scorci rinascimentali e barocchi, è una tra le più suggestive della Svizzera. Grazie al monopolio del traffico fluviale  nel tratto superiore del Reno dal lago di Costanza alle cascate a sud-ovest della città, divenne già dal secolo XII un fiorente centro di commercio e artigianato, spesso in contrasto con Zurigo.

   Nel 1049 il papa Leone IX consacrò il terreno, su cui era sorto il convento di Allerheiligen. La cattedrale attigua fu ultimata nel 1103. Il chiostro, lungo 60 metri, è il più grande della Svizzera ed il convento è una delle più belle strutture romaniche sul lago di Costanza. Nel cortile interno si trovano alcune lapidi antiche, un giardino di erbe, eduna campana  (che pare abbia ispirato Friedrich Schiller per il "Lied von der Glocke".  Nel 1333 prese in affitto il "privilegio di coniazione" dal Kloister zu Allerheiligen. Dopo un periodo sotto il dominio degli Asburgo, ottenne l'indipendenza nel 1415. Si alleò con Zurigo nel 1457 e divenne un membro a pieno titolo della Confederazione Elvetica nel 1501. In data 1 aprile 1944, la città subì un bombardamento da parte dell'aeronautica statunitense che la scambiò accidentalmente per una città tedesca, trovandosi il cantone e la città al di là del Reno.  



DESCRIZIONE


LE CASCATE


Nella località di Neuhausen am Rheinfall (altezza 412 metri), a 4 km dalla città, le acque dell'Alto Reno precipitano nella Rheinfall (cascata) con una larghezza di 150 metri per 23 metri, divise da due rocce che si ergono in mezzo al fiume.  Sono 700.000 litri al secondo che precipitano con grande fragore e violenza nel vuoto.  La stagione più propizia per le visite è l'estate (giugno-luglio), quando le acque sono più abbondanti per lo scioglimento delle nevi ad alta quota.

Accedendo dalla riva sinistra, si incontra Schloss Laufen, oggi adibito a ristorante e ostello della gioventù. Dal cortile del castello, eretto nel secolo XII e passato ai balivi di Zurigo nel 1544, una scala scende fino alla altezza delle cascate. Piattaforme e passerelle avanzano fin sopra le acque vorticose; dalla piattaforma del Kanzell bello è il colpo d'occhio sul precipitare delle acque. Ci sono barche per il roccione di mezzo e il castello di Woerth. Accedendo dalla riva sinistra, si incontra lo Schloessen Woerth, piccolo castello, originario del XII secolo, ma molto rimaneggiato. Antico posto di dogana e deposito merci, il castello, che oggi ospita un ristorante, permette di cogliere una visione di insieme delle cascate.   

Le cascate resero ricca la città, non solo dal punto di vista turistico. Qui i barconi che seguivano il fiume venivano scaricati e le merci venivano trasbordate su carri, in particolare il sale proveniente dall'Austria e diretto verso la Svizzera. 


LA CITTA'

La fortezza Munot domina la città dall'alto dell'Emmersberg. Costruita dal 1564 al 1585 in base ai principi esposti da Albreche Duerer  nel suo "Trattato delle fortificazioni", la roccaforte è composta di una grande casamatta tonda e di una torre cilindrica, che ospita una collezione di armi.  Notevoli lo spessore dei muri (5 metri) , la rampa elicoidale interna per le artiglierie e la piattaforma superiore, dalla quale si gode una bella vista sulla città e sul Reno.  











LE CASCATE





















Sullo sfondo si vede il Castello Laufen



















































Castello di Woerth in primo piano









VISTE DALL'ALTO













MONUMENTI IMPORTANTI

















Allerheiligen - Kreuzfahrt




La Fontana del Moro con la Schwabentor




La casa del Cavaliere (1566), opera del maestro Tobias Stimmer 


LA FORTEZZA MUNOT




















VISTE DELLA CITTA' DAL TRENINO





Kloster Allerheiligen










UBICAZIONE

























Vedere anche: