mercoledì 30 novembre 2011

BASILEA Esterno della Cattedrale


L'antica Cattedrale, alta sulla riva sinistra del fiume, è considerata una delle più belle architetture religiose dell'alto Reno. L'imponente, ma elegante, edificio di arenaria rossa venne costruito in forma romanica nell'area di preesistenti edifici sacri nel sec. XI-XIII, con aggiunte gotiche dopo l'incendio del 1248 e dopo il terremoto del 1356. Fu restaurato nel 1880-99. Qui ebbe luogo, nel 1431, la prima seduta del Concilio ecumenico di Basilea; nel 1529 passò ai Protestanti.

La facciata duecentesca è stretta da due alte torri gotiche, sormontate da guglie del primo '400; dopo il terremoto del 1356, ai lati del portale mediano, che presenta nel giro dell'arco belle fasce decorate, furono sistemate quattro sculture che ornavano la facciata: si riconoscono a sinistra l'imperatore Enrico II e la moglie Cunegonda, a destra, il Demonio e la Voluttà.

Bello è il fianco sinistro della Cattedrale con il gran tetto a spioventi, ricoperti di maioliche policrome; nel transetto, sotto un grande rosone a forma di ruota, si apre la romanica porta di San Gallo. Alle spalle della complessa parte absidale,movimentata da imponenti contrafforti radiali, la Pfalz, cinquecentesca terrazza a strapiombo sul Reno, offre una magnifica vista sul fiume.   

































Vedere anche: