sabato 22 ottobre 2011

LUCERNA - Passeggiata in città

Lucerna, grazie alla sua posizione sulle rive nord-occidentali del Lago dei Quattro Cantoni ed al fascino del suo centro storico, è una delle città più popolari tra i turisti. Qui il Medioevo si mescola al Barocco, mentre i quartieri ottocenteschi si aprono qua e là, senza preavviso, in un pittoresco disordine.

Ma la città ha avuto anche un ruolo importante nelle vicende della Svizzera. Formatasi intorno al monastero benedettino i San Leodegario, fondato nel secolo VIII, il pòiccolo villaggio di pescatori e contadini si sviluppò soprattutto nel secolo XIII, con l'apertura della strada del San Gottardo, divenuta canale del traffico tra la Fiandra e l'Italia.  Dopo una lunga dominazione degli Asburgo, Lucerna nel 1332 entrò a fare parte della Confederazione e nel 1386 con la vittoria di Sepang ottenne piena indipendenza. Con la vittoria dei cattolici sui protestanti nella battaglia di Kappel del 1531, Lucerna, rimasta cattolica, acquisì una posizione di importanza per quasi due secoli.

Ma, nella seconda battaglia di Villmerg del 1712, furono i protestanti a prevalere e la città perse la sua importanza. Per fortuna ci fu dopo un lungo periodo di pace e la popolazione della città aumentò notevolmente.


Goethe, grande viaggiatore, non poteva non fare visita a Lucerna: la sua immagine è dipinta sulla casa che lo ospitò.


Se ci si aggira nelle vie del centro, andando verso la Hofkirche, è tutto un susseguirsi di edifici suggestivi, palazzi co facciate affrescate, insegne in ferro battuto.











Il Kappellbrucke, ponte quattrocentesco disposto obliquamente sulla Reuss, è il simbolo della città.

























Ai piedi della scalinata, che porta alla cattedrale, una piazzetta accoglie la fontana della Vergine, seicentesca, ma più volte rifatta.







La Hofkirche



Un piccolo parco accoglie il celebre "monumento del Leone", dedicato alle guardie svizzere della famiglia reale di Francia, cadute nel 1792, durante l'assalto della folla alle Tuileries: vittime della Rivoluzione. Al centro di un'alta parete rocciosa, coronata da alberi e preceduta da un piccolo bacino, è scolpita la suggestiva immagine di un leone morente, accovacciato sullo scudo con i gigli di Francia.



Torre dell'orologio
 
 
 
 
 
 
 


La chiesa gesuita
La prima grande costruzione sacra di stile barocco della Svizzera. Costruita nel 1666 da Padre Cristoph Vogler per i gesuiti.A metà del XVIII secolo la volta è stata ristrutturata.
Il ponte Spreuer è stato completato nel 1408 come parte della fortificazione cittadina.
Tra il 1625 ed il 1635 Kaspar Meglinger aggiunse 67 tavole che rappresentano la “Danza della Morte”. Il pontre Spreuer è così chiamato perchè era l'unico luogo da cui lo Spreu e il Laub potevano essere incanalati nel fiume Reuss.

 















Museggmauer: Blick auf Rigl



Il lago di Lucerna, dipinto nel 1890 da un anonimo pittore svizzero.

La città di Lucerna, comodamente adagiata lungo la riva del lago, non è oggi molto diversa da come la vedeva questo pittore. Lo scenario spettacolare che fa da scenario alla città rende atto al pensiero di Schopenhauer che definì la sua posizione tra le "più belle della Svizzera".










Vedere anche:



Per informazioni più complete su Lucerna vedere: