mercoledì 21 maggio 2014

MALTA - VALLETTA: LA CITTA' DEI CAVALIERI


MALTA - VALLETTA: LA CITTA' DEI CAVALIERI

Valletta (10.000 abitanti circa) è la capitale della Repubblica di Malta. Fu fondata nel 1566 dai Cavalieri Ospitalieri e prese il nome del Gran Maestro Jean de la Valette. Fu battezzata Humilissima Civitas Valettae (Umilissima Città di Valletta). La città fortificata fu costruita sulla penisola di Xiberras, un piccolo promontorio che divide in due bacini il complesso sistema di ormeggi, approdi e baie che formano:
  • a nord-ovest Marsamxett Harbour;
  • a sud-est il Grand Harbour.

Valletta divenne subito il centro della vita politica e amministrativa dell'isola. E' la più vivace ed animata città dell'isola, ma non è la più popolosa. E' caratterizzata da un reticolo di strade ortogonali, che, a causa dell'altimetria del terreno, alternano vertiginose discese e ripide salite.  

La città-fortezza, all'interno della cinta muraria, offre lo spettacolo di sontuosi palazzi, sorti per soddisfare la volontà di prestigio dei Gran Maestri e dei Cavalieri.

L'asse principale, lungo la direttrice nord-est, è costituito da Republic Street (Triq ir-Repubblika), sempre affollata da cittadini maltesi indaffarati e da turisti.   


L'Ordine Ospitaliero arrivò nell'isola nel 1530 e si limitò a rinforzare le fortificazioni esistenti e rendere sicuro l'approdo. L'ingegnere militare italiano Antonio Ferramolino, chiamato dal Gran Maestro de Homedes, mise in evidenza che il punto cruciale da proteggere era l'isolotto alla punta estrema della penisola di Xiberras, senza essere ascoltato. Ma l'attacco turco del 1551dimostrò la giustezza del suo giudizio; fu così costruito sull'isolotto il Fort St Elmo.


Il Grande Assedio del 1565 mise in evidenza il pericolo per l'Europa di un insediamento turco a Malta. Papa Pio V inviò l'architetto Francesco Laparelli per pianificare la costruzione di una nuova città fortificata da costruire nel più breve tempo possibile a Malta. Con Laparelli collaborarono Gabrio Serbelloni, architetto del re di Spagna Filippo II, e l'architetto maltese Gerolamo Cassar.
Il 17 marzo 1571 il Gran Maestro Pietro del Monte San Savino trasferì l'Ordine dei Cavalieri nella nuova cità fortificata, non ancora terminata, ma già abitabile.
A Laparelli successe Cassar che seguì la costruzione del palazzo del Gran Maestro, della  Co-Cattedrale di San Giovanni, di auberges per le varie lingue e di varie chiese e abitazioni private.   

Nei secoli XVII e XVIII, Valletta, con il suo grande bacino fortificato e con una importante flotta di galere, divenne un inespugnabile presidio cristiano nel cuore del Mediterraneo.


A causa della sua posizione strategica nel cuore del Mediterraneo, Malta fu al centro del secondo conflitto mondiale. L'isola venne bombardata continuamente dagli italo-tedeschi fino al 1943; su Malta cadde il doppio delle bombe cadute su Londra. All'eroica Malta, Giorgio VI concesse nel 1942 la Croce di San Giorgio, la più importante onorificenza britannica. Alla fine della guerra, furono concessi 30 milioni di sterline per la ricostruzione.
Nel 1964, Malta ottenne l'indipendenza nell'ambito del Commonwealth.   

 

L'INGRESSO ALLA CITTA'







A sinistra ed a destra della via di ingresso ci sono imponenti fortificazioni.


LA CO-CATTEDRALE DI SAN GIOVANNI


I Cavalieri decisero di costruire una nuova chiesa conventuale come testimonianza della fraternità tra le varie langues. Commissionata a Gerolamo nel 1573, fu terminata in solo 4 anni. L'interno è  impostata su una grande navata centrale; a tale semplicità la sontuosità della decorazione.













INTERNO DELLA CHIESA



Una cappella




Le meravigliose tappezzerie fiamminghe










L'altare maggiore



L'organo






L'altare di sinistra


Il soffitto




Il pavimento, coperto di lapidi delle tombe dei Gran Maestri





La cripta dei Gran Maestri


L'ORATORIO









Caravaggio - Decollazione del Battista

E' l'unica opera firmata da Caravaggio; la firma è tracciata con il sangue del Battista. E' un olio su tela di 361x520 cm: il quadro più grande dipinto dal pittore.
Inseguito da una condanna a morte per avere ucciso un uomo in una rissa nel 1606, Caravaggio si rifugia a Malta, grazie all'intercessione dei suoi amici romani al Gran Maestro Alof de Wignacourt. Il 14 luglio 1608, dopo un apposito noviziato, viene creato Cavaliere di Grazia, rango inferiore a quello di Cavaliere di Giustizia, rigorosamente di origini nobili. In seguito ad un diverbio con un cavaliere di ordine superiore, viene arrestato; riesce avventurosamente a fuggire e si rifugia a Siracusa. 

 

 

San Gerolamo

IL PALAZZO DEL GRAN MAESTRO

ESTERNO

















 

INTERNO

ARMERIA

Guerrieri cristiani
Guerriero turco

AUBERGE DE CASTILLE

E' il più bello ed il più grande di tutti gli Auberges ed era riservato alla langue spagnola e portoghese. La prima costruzione risale al 1574 ed è dovuta a Gerolamo Cassar. E' l'attuale sede del primo ministro.
Il Gran Maestro Jean Parisot de la Valette (1557-68)

UPPER BARRACCA GARDENS





Quando cessarono le necessità difensive della città, gli ampi spazi degli spalti, precedentemente occupati dai cannoni, ospitarono rigogliosi giardini. Nacquero così gli Upper Barracca Gardens. 




Vista dagli Upper Gardens

VISTE PANORAMICHE


Immagine dell'imponente Chiesa di Nostra Signora del Monte Carmelo, inconfondibile con la sua svettante cupola.
Fu eretta nel 1574 da Gerolamo Cassar, ma ricostruita dopo i devastanti bombardamenti del 1942. Terminata nel 1958, essa presenta nel suo aspetto attuale una pianta ellittica ed una slanciatissima cupola, che con i suoi 64 metri di altezza domina l'intera città. 








Valletta  da Tigne Sea Front  







Forte Sant'Elmo visto dall'alto






La Valletta dall'alto















Vedere anche:


VALLETTA - FORTE SANT'ELMO